Fellowship Program, Community Award e Digital Health Program premiano progetti nelle seguenti aree: HIV, Epatiti virali, Patologie Oncoematologiche (Leucemia Linfatica Cronica e Linfoma Follicolare) e Infezioni Fungine Invasive.

 

Edizioni

La Cerimonia di premiazione

loading...
 
 

Il video della Cerimonia

La Cerimonia di premiazione

 
 

I vincitori del Digital Health 2016

Dott.ssa Ornella Nucci (Ricercatore principale)
Titolo: EmatoClick: un nuovo APProccio comunicativo

Settore tematico: Educazione/Empowerment del paziente, del caregiver e dell’HCP
Ente: AIL Cosenza Fondazione Amelia Scorza ONLUS
Motivazioni: Il progetto coglie in pieno le opportunità offerte dalle nuove tecnologie proponendo strumenti all'avanguardia nella gestione del paziente ematologico, per una sua migliore aderenza al trattamento chemioterapico, e per il suo benessere generale. Uno studio pianificato in maniera metodologicamente corretta permette inoltre di misurarne l'efficacia fornendo allo strumento basi scientifiche per un suo impiego a regime.
loading...

Prof. Kazimierz Szadejko (Ricercatore principale)
Titolo: PREP & WEB COUNSELING. Creazione del sito “web-PReP 2.0”

Settore tematico: Prevenzione e consapevolezza dei comportamenti a rischio
Ente: Fondazione CEIS Onlus
Motivazioni: Il progetto proposto è meritevole di essere premiato per l'impiego di algoritmi decisionali e di altre tecniche in grado di selezionare candidati in un'area delicata dal punto di vista della prevenzione.
loading...
 

I vincitori del Fellowship Program 2016

Monica Colombo (Ricercatore principale)
Giovanna Cutrona, Gilberto Fronza, Paola Monti, Adalberto Ibatici (Co-ricercatori)

Titolo: Studio della variabilità funzionale delle proteine P53 mutanti nella Leucemia Linfatica Cronica nei confronti di meccanismi di resistenza all'apoptosi

Settore tematico: Studi preclinici sui meccanismi biologici che caratterizzano la leucemia linfatica cronica e linfoma follicolare
Ente: IRCCS AOU San Martino - IST - U.O. Patologia Molecolare
Motivazioni: Il razionale è forte e la metodologia è bene descritta. Il progetto offre garanzie di fattibilità e può consentire l'identificazione di sottogruppi di LLC con mutazioni criptiche di P53.
loading...

Valentina Mazzotta (Ricercatore principale)
Andrea Antinori, Veronica Bordoni, Valentina Fedele, Carmela Pinnetti (Co-ricercatori)

Titolo: Mediatori solubili di danno Neuronale e di immuno-attivazione/infiammazione in campioni HIV-positivi di plAsma/liquoR Monocentrici (Studio Neuro-HARM)

Settore tematico: Modelli di gestione integrata del paziente con infezione da HIV e comorbidità
Ente: Istituto Nazionale per le Malattie Infettiva Lazzaro Spallanzani - Divisione immuno-deficienze virali e neuroncologia infettiva
Motivazioni: Mediatori solubili di danno neuronalenale e di immunoattivazione/infiammazione in campioni HIV-positivi di plasma/liquor Monocentrici (Studio Neuro-HARM).
Giudizio: Il danno del sistema nervoso centrale è diventata oggi una problematica di estremo interesse per le sue ripercussioni soprattutto sulla qualità di vita dei pazienti. Lo studio analizza il fenomeno in modo scientificamente valido con una valutazione di marcatori di malattia sia a livello liquorale che di sangue periferico con possibili ricadute positive per la cura dei pazienti.
loading...
 

I vincitori del Community Award 2016

Simonetta Coppini (Ricercatore principale)
Titolo: Il gioco che cura: ingegneria e applicazioni tecnologiche a servizio della Medical Play Therapy. Percorsi e strumenti di gestione dello stress da procedure nel Reparto di Oncoematologia Pediatrica

Area di interesse: Educazione del paziente alla gestione della malattia
Ente: Associazione Bambino Emopatico
Motivazioni: Ben scritto il razionale e i contenuti; originale l'idea della medical play room e del giocare a fare il radiologo per superare i traumi del bambino malato. Progetto con obiettivi concreti e realizzabili, su target in sicura necessità. Risorse economiche più che adeguate.
loading...

Lucia Ercoli (Ricercatore principale)
Titolo: Szpita kampina. Progetto di contrasto all'apartheid sanitario e alla diffusione delle infezioni a trasmissione sessuale e delle epatiti virali nel popolo rom

Area di interesse: Prevenzione e consapevolezza dei comportamenti a rischio
Ente: Istituto di Medicina Solidale
Motivazioni: Progetto per info/educazione popolazioni Rom e svantaggiate delle periferie romane. Buona la descrizione del contesto/razionale e le attività proposte per un target in sicura necessità. Buono il razionale e le attività proposte. Si innesta su un buon ed originale progetto già esistente. Buona l'esperienza del proponente.
loading...

Fellowship Program

Bando di concorso destinato a sostenere l’ideazione e la realizzazione di progetti di natura scientifica e sociale, finalizzati a migliorare l’outcome e la qualità di vita dei pazienti affetti da HIV, Epatiti virali, Leucemia Linfatica Cronica e Linfoma Follicolare.

Possono partecipare al Fellowship Program Istituzioni pubbliche e private operanti nei campi della ricerca scientifica o nella cura della salute e Associazioni e Fondazioni di ricerca pubbliche e private aventi come unico scopo la ricerca scientifica.

Community Award Program

Bando di concorso destinato a sostenere l’ideazione e l’effettiva realizzazione di progetti per interventi originali, di utilità diffusa, finalizzati a migliorare la qualità di vita e l’assistenza terapeutica dei pazienti affetti da HIV, Epatiti virali, Leucemia Linfatica Cronica e Linfoma Follicolare.

Possono partecipare al Community Award Program Associazioni di Pazienti, Federazioni, Fondazioni e Associazioni di Cittadini.

Hai dei dubbi e vorresti chiederci chiarimenti?

Abbiamo cercato di rispondere alle domande più frequenti nella sezione F.A.Q., ma se non trovi ciò di cui hai bisogno inviaci la tua richiesta attraverso il form. Saremo lieti di risponderti al più presto!